PRO DOMO Case Vacanza - Turismo Sociale

IL PERCORSO DELLA MEMORIA: ENTRARE NELLA STORIA

Uno degli aspetti che, attraverso questo blog, vorremmo raccontare sempre di più riguarda la molteplicità di esperienze che la montagna, in Valle d’Aosta come in Lombardia, è in grado di offrire.

Si tratta di imparare a conoscere questi luoghi sia dal punto di vista naturalistico che storico. Per i nostri ospiti della casa per ferie Ponte, struttura a pochi metri dal centro di Ponte di Legno, significa per esempio partire alla scoperta non soltanto di piste sciistiche ed escursioni in mountain bike, ma anche di un itinerario complesso e suggestivo come il Percorso della Memoria.

Clicca per ingrandire la mappa

Dal nome già per sé evocativo, il Percorso della Memoria parte dalla strada statale 42 del Tonale e conduce al Poggio della Croce o Doss de l’Ora, a monte dell’abitato di Berzo Demo: imboccando l’antica mulattiera di circa 5 chilometri, iniziano i camminamenti lungo i quali, tra il 1915 e il 1918, si combatterono alcune delle più aspre battaglie della Prima Guerra Mondiale. Il Percorso della Memoria è infatti un itinerario storico, ricco di testimonianze indelebili di quel periodo, ancora conservate, come grotte-ricovero, postazioni d’artiglieria, baraccamenti, gallerie e trincee.

Non è difficile lavorare d’immaginazione e pensare quella strada militare, larga e lineare, percorsa dagli autocarri che trainavano i pezzi di artiglieria. Le grotte e le caverne erano fondamentali per l’organizzazione logistica delle truppe, funzionando come punti di osservazione, deposito per armi e munizioni e riparo per i soldati.

Lungo il percorso è possibile incontrare anche antiche postazioni anti-aeree, manufatti in pietra e cemento su cui venivano collocati i pezzi di artiglieria in funzione antiaerea: il più importante era senza dubbio il complesso fortificato di Doss de l’Ora e di Poggio della Croce, che da un lato dominava la vallata dell’Oglio e dall’altra la Valsaviore e le creste della prima linea del fronte.

Si tratta di un percorso adatto anche alle famiglie e di un’opportunità per scoprire più a fondo i luoghi che circondano l’ormai celebre Ponte di Legno: potrete sostare, prima o dopo, presso la nostra Casa Ponte e godervi l’accoglienza familiare della nostra struttura.

Casa PonteAmmirare queste montagne, se avrete intrapreso il Percorso della Memoria, avrà un sapore diverso: non mancherà una certa suggestione e forse anche un certo raccoglimento, quelli che seguono la conoscenza più profonda di una comunità e della natura che la circonda, soprattutto

 

 

 

 

THE PATH OF MEMORY: ENTERING HISTORY

One of the aspects that, through this blog, we would like to tell more and more is about the multiplicity of experiences that the mountain, in Valle d’Aosta as in Lombardy, is able to offer.

It is about learning to know these places both from a naturalistic and historical point of view. For our guests of the Ponte holiday home, a structure a few meters from the center of Ponte di Legno, means for example to discover not only ski slopes and mountain bike tours, but also a complex and evocative itinerary such as the Memory.

From the already evocative name, the Memory Trail starts from the Tonale state road 42 and leads to Poggio della Croce or Doss de l’Ora, upstream of the town of Berzo Demo: taking the ancient mule track of about 5 kilometers, you can begin the walkways along which, between 1915 and 1918, some of the fiercest battles of the First World War were fought. The Memory Trail is in fact an historical itinerary, full of indelible testimonies of that period, still preserved, such as caves-shelter, artillery posts, barracks, tunnels and trenches.

It is not difficult to work out imagination and think of that wide and linear military road, traversed by trucks that pulled artillery pieces. Caves and caves were essential for the logistical organization of troops, functioning as observation points, storage for weapons and ammunition and shelter for soldiers.

Along the way you can also meet ancient anti-aerial posts, stone and concrete artifacts on which the pieces of artillery were placed in antiaircraft: the most important was undoubtedly the fortified complex of Doss de l’Ora and Poggio della Croce , which on one side dominated the Oglio valley and on the other the Valsaviore and the ridges of the first front line.

It is a route that is also suitable for families and an opportunity to discover more deeply the places that surround the now famous Ponte di Legno: you can stop, sooner or later, at our Casa Ponte and enjoy the family welcome of the our structure.

Admire these mountains, if you have undertaken the Path of Memory, will have a different flavor: there will be a certain suggestion and perhaps even a certain recollection, those that follow the deepest knowledge of a community and the nature that surrounds it, especially when the past also tells of wounds that we will always have to remember.

This too, for us at Pro Domo, is social tourism.